Leonardo da vinci opere immagini





Sono state notate delle inesattezze spaziali, come la resa del braccio destro tagliata di filetto in inglese della Vergine.
Questa sua attitudine, conferisce un impressionante realismo ai corpi rappresentati nelle sue opere.Non tutti gli studiosi però concordano sullautenticità del quadro e sullattribuzione a Leonardo; certamente lincompiutezza dellopera non favorisce la ricerca della verità al proposito, ma costituisce parte del fascino di questa splendida opera.Nel suo testamento, Leonardo, lasciò tutti i suoi scritti all'allievo preferito: Francesco Melzi, mentre all'altro discepolo, Salai, lasciò i dipinti che si trovavano ancora nel suo studio, tra i quali la Gioconda.Gioconda (appunto la, vergine delle Rocce, l, ultima Cena.In realtà i critici sono discordi sulla datazione del disegno e sul soggetto; un critico inglese, Robert Payne, ha suggerito che possa trattarsi di un ritratto del padre di Leonardo, mentre un critico tedesco ne ha addirittura messo in dubbio lautenticità, attribuendolo a un pittore.Nel primo piano è raffigurata lAnnunciazione, sullo sfondo un edificio fiorentino e un bellissimo paesaggio nel quale Leonardo coglie con naturalezza il mondo vegetale e il senso atmosferico delle lontananze.Un rapporto questo, tra uomo e natura, che ha costituito forse la cifra più importante dellopera di Leonardo in tutti i campi, anche in quelli tecnico-scientifici.Leonardo fu escluso dal gruppo di artisti che nel 1480 Lorenzo de Medici inviò al papa Sisto IV per affrescare la Cappella Sistina.Già attribuito al Ghirlandaio il dipinto è da considerare unopera giovanile di Leonardo.Leonardo dipinge i tratti delicati e insieme malinconici della donna con una morbidezza e ricchezza di particolari del tutto nuovi, influenzato dalle novità dei pittori fiamminghi, ben autoreggenti taglie forti conosciuti a Firenze grazie alle relazioni commerciali dei mercanti fiorentini.Gioconda (o, monna Lisa e a questo proposito vorremmo innanzitutto sfatare uno dei miti che riguardano il dipinto: non è vero che i francesi hanno rubato.Leda e il cigno 1510, Galleria degli Uffizi, Firenze Il tema è tratto dalle Metamorfosi di Ovidio: Leda è simbolo delle forze generatrici della natura e a questo allude la sua unione con Giove, sotto le sembianze di un cigno, dalla quale furono generati.Fin dai primi del Cinquecento le fonti ricordano che il giovane Leonardo eseguì langelo sulla sinistra, più recente è lattribuzione all artista del paesaggio sullo sfondo.La grande maggioranza dei critici è però propensa a ritenerlo effettivamente lautoritratto di Leonardo, forse leggermente idealizzato rispetto alla realtà.LA vite opere DI leonardo DA vinci IN 10 (S)punti.Disse: I nostri corpi sono sempre più le tombe degli animali.Nel 1503 a Leonardo fu affidata la decorazione di una delle pareti del Salone del Cinquecento a Palazzo Vecchio a Firenze.Ma ben presto la famiglia di Ser Piero, dopo la morte del padre, si trasferì a Firenze dove il giovane Leonardo cominciò la carriera notarile, ma con scarso successo; infatti in quel periodo Firenze era un cantiere a cielo aperto, ovunque venivano avviate opere architettoniche.
Studi di Leonardo su questo tema si trovano a partire dal 1504, ma più tardi, forse nel periodo milanese, elabora la versione conosciuta raffigurando la figura in piedi nella classica posa serpentinata.




[L_RANDNUM-10-999]
Sitemap